...per il recupero della memoria storica, per la difesa, il riscatto ed il futuro del popolo meridionale, per una vera rappresentatività politica del Sud...

sabato 31 maggio 2014

La vignetta di Franco Gallo...





Fonte : Franco Gallo - Partito del Sud Calabria

venerdì 30 maggio 2014

14 GIUGNO 2014 - GAETA, RIUNIONE CONSIGLIO DIRETTIVO NAZIONALE



CONVOCAZIONE CDN

E' convocato per sabato 14 giugno 2014 alle ore 16,00 c/o l'Hotel Flamingo, Corso Italia 109 - Gaeta (LT) il Consiglio Direttivo Nazionale del Partito del Sud con il seguente Ordine del Giorno

1) Analisi elezioni appena trascorse, approfondimenti, testimonianze
2) Condivisione strategie politico organizzative
3) Organizzazione e sviluppo territoriale
4) Analisi preparatoria prossime elezioni amministrative
5) Obiettivi 2014

La riunione è aperta come sempre alla partecipazione di tutti i tesserati del Partito e terminerà entro le ore 20,00

Si raccomanda la presenza e la puntualità

Il Presidente Nazionale
Natale Cuccurese

info prenotazioni per eventuale pernottamento convenzionato 

Hotel Flamingo*** del ROYAL ALBERGO S.R.L. Corso Italia, 109 – 04024 GAETA (LT) Tel. 0771.740438 – fax. 0771.741284 web: http://www.hotelflamingogaeta.com www.hotelflamingogaeta.com www.hotelflamingogaeta.com
www.hotelflamingogaeta.it/infoecontatti.htm


martedì 27 maggio 2014

ELEZIONI 2014: UN ALTRO PASSO AVANTI PER IL PARTITO DEL SUD !



di Natale Cuccurese

Con gli ultimi spogli di oggi si chiude anche questa tornata elettorale con alcune evidenze incontrovertibili, impossibili da negare, e cioè il trionfo di Renzi e la grande sconfitta del M5s, che come detto da Grillo puntava al sorpasso.

Non solo non c'è stato il sorpasso, ma addirittura i 5 stelle sono in calo rispetto ad un anno fa ed il PD addirittura li doppia nel numero dei voti.
Chi nelle giornate precedenti il voto si era fatto richiamare dalle sirene del presunto vincitore ( poi rivelatosi il grande sconfitto pur se supera il 20%) diventandone gracchiante megafono in zona Cesarini, in cerca disperata di uno spicchio di visibilità, ha dimostrato ancora una volta di sbagliare valutazioni, così come sempre più errato si dimostra il pensare di creare consenso solo con continue "sparate" e polemiche sul web, pensando poi che i voti, il sostegno e le firme vengano di conseguenza; importante il web, ma certo non decisivo, inoltre il meridionalismo poco ha da spartire con le tesi del comico genovese.

Anche l' astensionismo invocato da alcuni non c'è stato, o almeno non nella misura che si paventava, soprattutto se consideriamo che rispetto alle precedenti consultazioni si votava in una sola giornata.
Ora per Renzi sarà più semplice fare alcune delle riforme annunciate e si dovrebbe allontanare lo spettro di elezioni politiche anticipate.  
Buono il comportamento di Tsipras, l’unica vera lista di sinistra, mentrepreoccupa molto il dato della lega al Sud, soprattutto se lo leghiamo a quanto si legge fra le righe da alcuni commenti sui social in queste ore e da quanto detto in un recentissimo comizio in Campania da un leghista del sud, dichiarazioni che fanno sponda con le parole di Salvini ieri sera da Vespa, cioè la possibile formazione di una coalizione di partitini e movimenti pseudo meridionalisti, immaginiamo col cuore a destra, supportati, più o meno dietro le quinte, dalla lega nord....un’ipotesi che ovviamente trova l’opposizione decisa del nostro Partito; lo diciamo subito e prendiamo con forza e chiaramente le distanze da questo fumoso progetto, anche a scanso di eventuali equivoci, a futura memoria e a beneficio di eventuali polemisti e mestatori.
Ottimo il comportamento a queste elezioni del nostro Partito sui territori, dei dirigenti, dei candidati dei militanti, dei tanti sostenitori che ringrazio tutti indistintamente per l'ulteriore passo in avanti fatto fare al Partito in termini di visibilità, esperienza, conoscenza, condivisione, organizzazione.

Un ringraziamento particolare ad Antonio Ciano che si è fatto carico di una campagna elettorale lunga e faticosa, che ha avuto l’acme nelleapparizioni televisive su Canale 5 e Rete 4, dove Antonio ha detto le cose che tutti da anni aspettavamo di sentire e non ha promozionato un suo libro o detto e non detto in un cerchiobottismo di buona maniera per non inimicarsi più di tanto nessuno. La visibilità che questa esperienza porta in dote  al nostro Partito e alle nostre tesi risulta poi evidente sia dalle visualizzazioni raggiunte dai video di Ciano posti in rete, che dai post di sostegno elettorale a tutti i nostri candidati, che nel totale sfiorano il milione di visualizzazioni, sia dalle tante adesioni, non virtuali,  di nuovi militanti.
Il risultato finale è di quasi 600 voti, voti nostri, ancora più difficili da ottenere in assenza del nostro simbolo e senza supporti al di fuori del Partito, se non con il sostegno di alcuni amici che ringraziamo e che si sono sentiti in dovere verso Antonio per ciò che rappresenta per il meridionalismo, siamo contenti di questo e altro non ci aspettavamo, proseguiamo orgogliosi con le nostre scelte e a testa alta, mentre altri, come visto sopra, forse già si apprestano a chinarla…

Risulta poi evidente che IDV con il sostegno del Partito del Sud ha ottenuto nella circoscrizione meridionale il miglior risultato fra tutte le 5 circoscrizioni nazionali, raggiungendo l'1% contro una media nazionale per IDV nelle altre quattro circoscrizioni dello 0,575, cioè uno scostamento al Sud del + 0,425, ottimo risultato raggiunto grazie anche all'impegno e contributo concreto in questa campagna elettorale delle donne e uomini del Partito del Sud mobilitatisi generosamente, e come sempre concretamente, per arginare la marea leghista montante anche al Sud e relegando così i leghisti al penultimo posto come voti nella circoscrizione, peggior risultato per la lega fra tutte le 5 circoscrizioni nazionali...

Inoltre l'1% raggiunto nella circoscrizione meridionale permette di sperare nell'elezione di un europarlamentare del Sud nel caso il ricorso già presentato al Tribunale di Venezia per l'abolizione dello sbarramento venisse accolto. Doveroso un ringraziamento personale al Segretario Nazionale di IDV Ignazio Messina per la serietà e il sostegno, così come per tutti gli uomini del suo Partito conosciuti in questo frangente. Altrettantodoveroso un ringraziamento a Vita Maria Marinelli , meridionalista in lista IDV, vicina al Partito del Sud e da noi sostenuta in campagna elettorale, che ha ottenuto un'ottimo risultato in termini di preferenze e con la quale abbiamo condiviso bei momenti in campagna elettorale di incontro con la gente.
Ottimo anche il comportamento dei nostri candidati alle amministrative, dove ieri sera è giunta da Novi Velia la splendida notizia dell’elezione di Valeria Romanelli, una delle Brigantessa del Partito del Sud, presente nella lista "Battiti per Novi". Una soddisfazione immensa per tutto il Partito del Sud che conquista un importante risultato in Cilento grazie alla passione e alla volontà di Valeria, a dimostrazione che solo impegnandosi direttamente con passione e mettendoci la faccia si possono cogliere quei risultati utili al riscatto della nostra terra e ad arginare l'arroganza leghista.
 A Reggio Emilia la lista IDV - Partito del Sud arriva allo 0,54 con il sottoscritto che arriva terzo nel computo delle preferenze. Un risultato prevedibile considerando le mille difficoltà di questa campagna elettorale, ma che non ha fatto venir meno il nostro impegno e che ci ha permesso comunque di mostrare a decine di migliaia di cittadini reggiani il nostro simbolo, prendere nuovi contatti sul territorio e declinare pubblicamente le nostre tesi meridionaliste. Un ringraziamento agli amici di IDV che si sono dimostrati in ogni frangente persone concrete e di parola.

Infine a Rende con la lista Rende Bene Comune al ballottaggio di coalizione, anche qui con l’ottimo comportamento del nostro Junio Iuele.

Ora si tratta solo di proseguire il cammino intrapreso, continuare la costruzione del Partito sui territori, l’ apertura di nuove Sezioni, la diffusione delle nostre iniziative, la preparazione delle prossime regionali soprattutto a Sud, in altre parole lavorare, come sempre concretamente, sui territori fra la gente per rafforzare sempre più il nostro Partito e diffonderne il messaggio; Partito che mai come ora è l’unico che può realmente rappresentare le necessità di un Sud a schiena dritta e che non si arrende ma resiste. 




Un ottimo articolo di Amalia Spanò su Rubriche Meridionali



Il futuro del meridionalismo





li, 27/05/2014

di Amalia Spanò

Anche questa è fatta. Si sono tenute le Elezioni Europee. Già ma quale Europa sarà? L'antieuropeismo ha dati segnali forti, ma non ha sfondato. Certo un bel 30% del Parlamento Europeo sarà da loro pressocchè occupato, ma il restante 70% se vuole e si organizza può non solo tamponare ma cambiare registro per dare risposte esaurienti alle esigenze in primis dei popoli del Sud Europa. Popoli massacrati dalle politiche d'austerità e lasciati da soli ad affrontare il dramma immigratorio. 
In Italia il populismo grillino, un linguaggio aggressivo, talvolta gratuitamente offensivo oltre il consentito, ha pagato il conto non solo non facendo l'exploit ma regredendo addirittura di alcuni punti percentuali. Il PD di Renzi ha fatto il boom oltre ogni più rosea aspettativa, sommando una serie di ragioni che lo hanno determinato : il rigetto, come detto, al linguaggio dei 5 Stelle, i proponimenti del suo leader che tra promesse in via di realizzazioni o pur solo futuribili da speranze di un minimo di concretezza a un popolo sfiancato, la debacle inevitabile ormai di Berlusconi, la pochezza di altri, e la capacità renziana di farsi accettare da una grande fetta centrista di memoria democristiana e anche centrodestrorsa moderata. 
E il Sud? Silente se non nella voce inossidabile del brigante gaetano e gramsciano Antonio Ciano del Partito del Sud, indipendente nella lista IDV, rediviva e faticosamente tornata a competere grazie all'impegno del suo segretario Ignazio Messina. Abbiamo, noi di Rubriche Meridionali, settimane fa segnalato e sostenuto la coraggiosa candidatura di Ciano, per la stima nei suoi confronti e verso gli amici del Partito del Sud. Poi qualche "aspirante meridionalista" presente altrove e la sguaiata presenza di sudisti sensibili alla pecunia vergognosamente presenti con la Lega, che sia appellata Nord o Sud, o in liste di suoi fuoriusciti, che resta in ogni caso la vergogna più riluttante dello scenario politico della penisola italica. 
Già...ma il futuro per il meridionalismo? Non può che essere nell'ambito progressista, inevitabilmente a sinistra. Lo impone la storia, la lezione e il pensiero di maestri come Gramsci, nostro riferimento e anche del Partito del Sud. Il lavoro dovrà svilupparsi perchè la sinistra prenda coscienza che il meridionalismo e la questione meridionale è nel suo DNA, che affonda le radici proprio agli albori della sua storia prefigurato, analizzato e proposto dai suoi stessi uomini. Si esca dall'equivoco della nostalgia, del neoborbonismo, di cui la stessa sinistra si fa partecipe con superficiali commenti e valutazioni, accomunando spesso tutto il movimentismo che c'è al Sud. Gran parte, ahinoi, è certo in quella spirale spesso poi debordante verso rivendicazioni addirittura vetero monarchiche, velleitarismi indipendentisti e separatisti, derive destrorse, ecc... Ma associazioni come la nostra, altre, il Partito del Sud, tanti singoli senza casa, sono e siamo, fuor d'ogni auto incensamento, sani interpreti di quel meridionalismo autentico che solo una sinistra disattenta e presuntuosa può trascurare.
Chi gli interlocutori? Diversi politici, coscienti e onesti intellettualmente, e chi tra le formazioni politiche saprà aprirsi al dialogo, alla disponibilità, alla riflessione su questa grande storia di dignità, equità e riscatto.

Amalia Spanò
Socio Promotore e Fondatore di Rubriche Meridionali 

Valeria Romanelli del PdelSUD eletta a Novi Velia (Sa) !



Una splendida notizia giunge da Novi Velia, la Brigantessa del Partito del Sud Valeria Romanelli eletta con il terzo numero di preferenze !


Una splendida notizia giunge da Novi Velia, la Brigantessa del Partito del Sud Valeria Romanelli, presente nella lista "Battiti per Novi" viene eletta con il terzo numero di preferenze...

 Una soddisfazione immensa per tutto il Partito del Sud che conquista un importante risultato in Cilento grazie alla passione e alla volontà di Valeria, a dimostrazione che solo impegnandosi direttamente con passione e mettendoci la faccia si possono cogliere quei risultati utili al riscatto della nostra terra e ad arginare l'arroganza leghista.

 Grazie Valeria, un abbraccio e in bocca al lupo da tutto il Partito del Sud per il lavoro che ti aspetta. 


domenica 25 maggio 2014

Luigi de Magistris : comunicazione dalla Palestina...





riceviamo dall'Ufficio Comunicazione del sindaco Luigi de Magistris e postiamo :


SINDACO, GRANDE EMOZIONE MESSA PAPA A BETLEMME
"Prendere parte alla celebrazione della Santa Messa del Papa é sempre un'esperienza emozionante, ancora di più lo è stato oggi, quando ho avuto il privilegio di ascoltare la celebrazione qui, in Terra Santa, a Betlemme. Il cammino della pace è un cammino collettivo, che deve vedere impegnato ogni singolo cittadino ed impegnata ogni singola autorità. Un percorso a cui i sindaci possono offrire il loro contributo favorendo una diplomazia dal basso che accompagni l'impegno dei governi e delle istituzioni internazionali. In questo percorso, la nostra città, Napoli, può diventare uno spazio di incontro importante, avamposto di un Mediterraneo di Pace, in particolare per favorire la ripresa del dialogo fra Palestina e Israele". Lo afferma il sindaco di Napoli Luigi de Magistris che oggi, presso la Basilica della Natività di Betlemme, in qualità di ospite del presidente palestinese Abu Mazen, ha preso parte alla celebrazione della Santa Messa del Papa. Il sindaco in questi giorni è impegnato in un viaggio istituzionale che lo vedrà visitare Palestina, Israele e Giordania per la costruzione e promozione del Forum dei sindaci del Mediterraneo, che si terrà a Napoli in ottobre, promosso dal sindaco, dall'Anci Campania, dall'Apla e dal Cielm. Scopo del Forum: rilanciare il dialogo in Medio Oriente attraverso il protagonismo degli enti locali. Oggi proprio Abu Mazen ha consegnato al Pontefice la lettera firmata dal sindaco di Napoli e di Nablus con cui viene rivolto l'invito, al Santo Padre, a benedire l'iniziativa di ottobre, a cui sarà presente anche lo stesso Abu Mazen. Da questa sera il sindaco sarà in Giordania per recarsi il 27 maggio in Israele, dove consegnerà all'ambasciatore italiano a Tel Aviv la lettera con cui l’Università Federico II, per voce del suo rettore prof. Marrelli, propone il conferimento della laurea honoris causa al presidente israeliano Shimon Peres.


















Fonte : Marzia Bonacci
portavoce Luigi de Magistris

venerdì 23 maggio 2014

A due giorni dalle Elezioni Europee…




di Andrea Balìa

Mancano 2 giorni alle Elezioni Europee. Si vota per quel parlamento che dovrebbe rappresentare quei popoli di quelle nazioni che hanno aderito a questa comunità. Inevitabile che, al di là delle ragioni, leggi, ed argomenti specifici che riguardano ciò, il tutto sia condito (specialmente in paesi in subbuglio come il nostro) da problematiche, scontri e battaglie della politica interna alle nazioni coinvolte. 
Un PD al governo, nell’occhio  del ciclone col suo Renzi in rincorsa a mantener fede almeno a una parte delle promesse che dovrebbero un pò riassestare l’Italia. A suo traino gli inevitabili ma modesti alleati come Scelta Civica e NCD. Dall’altro lato il sempiterno Berlusconi arrampicato sugli specchi che ormai lo fanno scivolare verso una lenta ma progressiva, e diremmo finalmente giusta, debacle. Poi il fenomeno Grillo, talmente incattivito che si fa fatica a ricordarselo da comico, sempre più simile nei modi e nello scenario che s’è costruito ad un rimando di memoria di tristi ventenni, e come allora con un codazzo di popolo disperato e bue come un tempo. Questi gli attori principali. Altri a far da cornice : la lista Tsipras che dovrebbe essere l’interprete della vera sinistra, ma con liste troppo eterogenee fatte da intellettuali troppo intellettuali (e talvolta addirittura radical chic) per essere valenti politici, alcuni caduti a caso nel paniere con discutibili spot elettorali tra bikini e/o pecore. Certo anche qualche buon e sincero politico, un programma non del tutto malvagio, ma l’idea che sia una macchina non a punto per sostenere un gran premio. L’inevitabile destra rappresentata da Fratelli d’Italia, che a parte i più nuovi Meloni e Crosetto, si trascina il triste campionario dei La Russa, Storace, Alemanno….Dulcis (sarebbe meglio dire “amara”) in fundo la Lega, che in un’insopportabile sfacciataggine tenta l’avventura di racimolare voti e consensi al Sud, approfittando di vecchi vizi perpetrati e ingordigia di sudisti (per favore non usiamo la bestemmia di definirli meridionalisti!) pronti a far sponda per un piatto di lenticchie. 
E quindi il Sud? A parte quelli di cui sopra, poi liste nuove vagheggiate e buttate come fumo negli occhi, con la consapevolezza cocciuta e un pò – mi si passi l’eufemismo – “paracula” della non praticabilità. Il solito silenzio pre elettorale del mondo nostalgico, filo monarchico, in attesa del messìa e di splendide e magnifiche indipendenze e rivoluzioni, con il ritornello di “solo quando il popolo avrà capito”, ma ciarlieri come sempre a risultati avuti nel fare le pulci, criticare…”noi l’avevamo detto”. Il Partito del Sud, come sempre, dedito più al fare che al dire, preferisce coniugare la lotta per la verità storica con la propositività e la ricerca di dare visibilità politica al Sud, conscio della necessità d’esserci nell’agone politico, di dover portare attenzione alla mai risolta “questione meridionale”, uscendo dal solo lamento, cosciente che i sogni spesso restano tali, e dell’urgenza di dover fare, prima che il popolo del Sud lo si ritrovi stecchito. I padri del meridionalismo sono i Gramsci, Dorso, gente progressista, il cui ambito resta per il Partito del Sud il solo praticabile. Le ideologie sono defunte, ma i valori no, e piaccia o meno, quelli cui fa riferimento il meridionalismo storico non stanno a destra. Quindi è stata accettata la disponibilità e proposta del IDV (Italia dei Valori) d’accogliere nella sua lista Circoscrizione Meridionale il nostro Presidente Onorario Antonio Ciano, scrittore e ricercatore storico, nonché uno dei pochi padri del meridionalismo degli ultimi decenni ancora in vita. La priorità del tema legalità di cui l’IDV si fa portavoce ci trova in sintonia, oltre alla comune visione d’un Sud riscattato e a pari dignità ed opportunità in un’Italia futura. Apprezzabile è il processo di risettarsi (cosa più unica che rara) cui l’IDV s’è sottoposto, dal simbolo ai suoi dirigenti e componenti, che non può non trovarci ulteriormente sereni nella scelta. Il PD aveva in Michele Emiliano, un nome (in quanto tale e non come partito) su cui il Sud avrebbe potuto puntare conoscendo la sua propensione meridionalista. Le scelte sono state altre ed il Partito del Sud ne ha preso atto, accettando con uguale entusiasmo la possibilità offertaci dal IDV.
Quindi non vediamo ostacoli per chi ama il Sud, per chi è figlio di queste terre e ne conosce storia e travagli, a dare il suo voto ad Antonio Ciano, uomo vero, sincero e portatore dei valori a cui siamo legati. Molti, tanti, pur non del Partito del Sud hanno già aderito e comunicato la loro scelta in tal senso. Poi ci si può divertire nel gioco della sottile ostruzione, spesso anche ipocritamente e non palesemente dichiarata, si possono far prevalere piccole invidie di bottega, fare le pulci chiedendo elenchi, numeri d’iscritti e altre meschinerie, di chi invece che costruire bene la propria casa guarda in quella d’altri, reclamando altrove i mattoni che gli mancano a costruir la sua. Gli amici, o almeno le persone oneste intellettualmente, da sempre si vedono quando servono. Quelli a interruzione, del “solo quando mi serve” il Partito del Sud ed il Sud in genere non sanno che farsene.

Viva il Sud, viva il Partito del Sud, viva Antonio Ciano!

Andrea Balìa


giovedì 22 maggio 2014

Un napoletano (e non è il solo..) disdice l'abbonamento a Mediaset...


Sputtanapoli: disdico abbonamento a Mediaset perché attaccate Napoli


Voi di Mediaset Premium attaccate ripetutamente Napoli e i Napoletani, e io disdico l’abbonamento: è questo il concetto di fondo che insiste dietro la decisione di Mattia Di Gennaro, una persona stanca del solito sputtanapoli, il quale è ultimamente condotto con ancora più vigore dai Media nazionali dopo gli avvenimenti della finale di Coppa Italia del 3 Maggio scorso. Un ragazzo rischia di lasciarci la vita, ma l’Italia se la prende soltanto con la scritta su una maglietta, dimenticando la gravità dell’accaduto e facendo ricadere le colpe su una città intera e i suoi abitanti. Per non essere accusati di schierarci contro un’azienda facendole pubblicità negativa, ricordiamo che oltre a Mediaset, per quanto riguarda la TV a pagamento, anche SKY ha dimostrato a più riprese la non simpatia verso i colori Azzurri, e non soltanto in occasione dei fatti di Roma.

Sputtanapoli - disdetta abbonamento Mediaset Premium

Fonte : www.vesuviolive.it

mercoledì 21 maggio 2014

Il Sud e il carro dei vincitori… e se una volta tanto vincesse il Sud ?




Ormai mancano poco più di tre giorni alla fine della campagna elettorale e per le amministrative e per le europee. Ricordo di aver partecipato, nello scorso autunno a Bari, alla convention di un famoso politico, e lui disse in quella occasione: “mi raccomando io non voglio gente che sale sul carro, ma gente che lo spinge”…
Bellissima evocazione di un’immagine tipica della politica italiana, ma anche di tutti gli elettori portati sempre ad agire da tifosi non troppo fedeli e a scegliere, all’ultimo momento, o un istante dopo le elezioni, il carro dato per vincente o addirittura quello che ha appena vinto.
Se si osserva il comportamento delle persone in questi giorni, ma anche i “capi di piccoli e grandi popoli”, si assiste allo sport del: “io sono grillino… da sempre”…
Ora non voglio esercitarmi anch’io nel dire contro Grillo e nel dargli addosso per quanto non condivida nulla dell’impostazione di quel movimento, quello che voglio fare è cercare di riflettere per qualche rigo per capire quali possono essere i vantaggi rivenienti al sud dopo un voto a Grillo e al movimento 5 stelle.
Un vantaggio è certo (per alcuni)… scendere in piazza il 26 e dire “abbiamo vinto”… e questo è umano e comprensibile.
Quello però che non ho capito per chi sceglie Movimento 5 Stelle è: cosa cambierà per il sud una volta “raggiunto il potere” (un buon risultato) il Movimento ?
Quale sarà il ruolo dei meridionalisti che appoggiano tale lista e vorranno incideresulle scelte future per il sud ?
Come, un movimento che prevede la partecipazione solo di singoli (e le idee comunque di un capo quasi indiscusso), farà partecipare gruppi organizzati al nuovo ordine meridionale, italiano ed europeo ? (il rischio è che i movimenti e leaders del sud che appoggiano o danno indicazioni di voto per il 5 stelle si trasformino o vengano declassati a semplici capi ultras)
Certo, taglio degli stipendi ai parlamentari, lotta alla corruzione, restituzione dei rimborsi elettorali ecc. ecc. (diamoli per buoni) ma qual’è il discrimine (rispetto alle politiche per il nord) di queste politiche in grado di rilanciare il sud ?
Perché, e qui veniamo “ai miei interessi”, un meridionale e un meridionalista dovrebbe votare il Movimento 5 Stelle e non Antonio Ciano, meridionalista da sempre, uomo vero e privo di qualsiasi interesse personale se non quello di rivedere il sud protagonista della vita peninsulare ?
Dove sta il problema per questa scelta proposta dal Partito del Sud, ma assolutamente trasversale e sincera verso questa nostra terra ?
Io personalmente non lo capisco, non capisco i grillini, e non capisco neanche l’indicazione di uomini di Tsipras che mai, mai, fino ad oggi, avevano dato “segni e segnali di meridionalismo”.
Non so, sono perplesso, non posso che fare un mio appello al voto e chiedere di votare Antonio Ciano, vero meridionalista innamorato di questa terra, e Vita Maria Marinelli, pugliese di Villa Castelli, figlia di questa terra, all’interno della lista di Italia dei Valori.
Una volta tanto abbiamo la dignità di esprimere un voto libero, di evitare gli effimeri carri dei vincitori e di puntare a un solo risultato: LA VITTORIA DEL SUD !

martedì 20 maggio 2014

Festa IDV (Italia dei Valori) Campania per le Elezioni Europee a Napoli, Lunedì 19 Maggio 2014. Partito del Sud presente!


Nelle panoramiche terrazze dell'Arenile di Bagnoli (Na) ieri, Lunedì 19 Maggio 2014, s'è svolta la festa Campana dell'Italia dei Valori per le prossime Elezioni Europee Circoscrizione Meridionale. Grande presenza d'iscritti, giornalisti e simpatizzanti. Maxi schermo con video e saluti del Segretario Nazionale Ignazio Messina
Presente il PARTITO DEL SUD (che ha il suo candidato Antonio Ciano nella lista come indipendente) con il Vice Presidente Nazionale Andrea Balìa e il Responsabile Campania Emiddio de Franciscis di Casanova.
Portati i saluti del nostro partito al Sen.re Aniello Di Nardo (Segretario Regionale Campania IDV e anch'egli candidato nella lista) e alla dott.ssa Caterina Pace (Direttivo Nazionale IDV)




                                                            
     il Sen.re Aniello Di Nardo (Segretario Campano IDV)


Partito del Sud Napoli

ELEZIONI DEL 25 MAGGIO 2014 - Orgoglio ed identità, legalità e progettualità - VOTA E FAI VOTARE I CANDIDATI DEL PARTITO DEL SUD!


Spesso in passato mi sono chiesto cosa poter fare per la mia terra, per combattere contro gli stereotipi razzisti che ci vogliono tutti "sporchi", "imbroglioni" , “violenti”, “mafiosi” ed "incivili", contro la rassegnazione che attanaglia molti e soprattutto contro il degrado sociale, ambientale ed economico che tenta di far precipitare il Sud da faro di civiltà a discarica terzomondista.

Antonio Ciano
                                                                    
Da qualche anno, con umiltà e perseveranza, col Partito del Sud sento di poter far qualcosa per il Sud; innanzitutto sta crescendo una squadra dirigente del movimento fatta da tante persone perbene e motivate dalla pura passione politica meridionalista progressista, riprendendo la migliore tradizione meridionalista di Gramsci, Salvemini, Dorso e tanti altri. In poco tempo, siamo riusciti nel miracolo di far nascere e crescere sezioni del movimento non solo al sud, ma anche al centro ed al nord, così come vantiamo fra le nostre file alcuni valenti amministratori al sud come al nord, segnale fortissimo della voglia di riscatto del popolo meridionale, ovunque si trovi a vivere e lavorare per la diaspora biblica dell'emigrazione, ma anche di essere considerati interlocutori credibili, non solo da Sindaci delle più grandi città metropolitane del Sud, ma anche da partiti nazionali di area progressista.

 La verità storica sulla "malaunità" del 1861 sta venendo fuori, non può durare in eterno una colonizzazione di 153 anni che si e' particolarmente aggravata negli ultimi anni con il susseguirsi di governi anti-meridionali, spesso con il predominante appoggio della Lega Nord razzista e xeonofoba.
Tutto e' stato causato da un'invasione militare calata dal Nord e da allora siamo diventati "colonia", Napoli da città più popolata, e di gran lunga più importante della penisola, fu declassata a capoluogo di prefettura ed il Sud fu spogliato delle sue ricchezze, gli oppositori furono trucidati ed infamati come "briganti", centinaia di migliaia di morti, imprigionati, deportati e iniziò un'emigrazione biblica di decine di milioni di persone...non dovevamo essere più produttori ma solo consumatori, improvvisamente non avevamo piu' una storia ricca e tradizioni da difendere ma ci dovevamo solo vergognare del nostro passato e dovevamo aspettare un po' di elemosina dalla "parte più ricca e progredita del paese" e ancora oggi si parla di nostro fallimento come popolo e siamo diventati "palla al piede" dei nostri "liberatori", è stata fatta nascere, da menti annebbiate, addirittura una questione settentrionale.


 Valeria Romanelli
                                                                
Per cambiare questo stato di cose non bastano certo gli slogan o le urla velleitarie sui social network, scimmiottando peraltro la parte più becera e retrograda della ideologia leghista, nessuno di noi vuole fare guerre al resto del paese o alimentare altre spaccature e separazioni, soprattutto considerando che al nord risiedono 14 milioni di meridionali, bisogna invece imparare a confrontarsi seriamente ed organizzarsi a schiena dritta, bisogna costruire un federalismo che, diversamente da quello meramente fiscale proposto dalla Lega Nord che vuole impoverire ancora di più l'intero meridione, parta da Sud e davvero unisca il paese, pur nelle sue diversità ed identità regionali

Sarà veramente unito questo paese solo quando le possibilità di lavoro saranno le stesse a Napoli come a Milano, quando il livello di servizi e infrastrutture sarà paragonabile a Reggio Calabria e a Reggio Emilia, per questo bisogna battersi democraticamente con la forza della ragione, a cui seguirà inevitabilmente la forza del numero dei voti. 

Per perseguire tutto questo il nostro Partito persevera sulla strada dell’impegno democratico, per dare un’alternativa reale e non velleitaria ai nostri territori
In questi anni abbiamo ottenuto tante piccole conquiste, abbiamo fatto “gavetta”, accumulando però tanta esperienza, anche organizzativa, e ottenendo, con la fatica del duro lavoro quotidiano, anche alcuni significativi risultati, venendo comunque ovunque apprezzati per l’impegno, la determinazione, la serietà e la dignità della proposta.



Junio Iuele

Mancano pochi giorni alla fine della campagna elettorale per le prossime elezioni Europee e amministrative del 25 maggio 2014. Il Partito del Sud sarà presente, come sempre è stato presente ogni anno dalla sua nascita, ad elezioni politiche nazionali e amministrative su tutto il territorio nazionalecon propri rappresentanti sia per le elezioni europee con il proprio Capo Brigante Antonio Ciano, candidato indipendente nella lista IDV per la circoscrizione meridionale, e per le amministrative al sud, come al nord della penisola; nei comune di Novi Velia (SA) con Valeria Romanelli con la lista "Battiti per Novi" , a Rende (CS ) con Junio Iuele con la lista “Rende Bene Comune” e alle Comunali di Reggio Emilia con la lista “ IDV – PdelSUD” con la presenza del sottoscritto Natale Cuccurese. 

Natale Cuccurese


 Per maggiori informazioni al riguardo potete visitare i nostri blog o i nostri gruppi e pagine presenti sui principali Social Network; qui alcuni link per saperne di più:






Ricordo poi che per quanto riguarda l’eroico tentativo “europeo” di Antonio Ciano, nella collaborazione nata con Italia Dei Valori per sostenere le ragioni del Sud anche in Europa, che la soglia nazionale da raggiungere per eleggere un europarlamentare è del 4% per cui l’indicazione di voto è di votare alle elezioni europee IDV anche nelle altre circoscrizioni ( isole/ centro e le due del nord) mentre la preferenza “CIANO” ( più le altre due che consigliamo caldamente “MESSINA” e “MARINELLI”) ANDRA’ INDICATA SOLO NELLA CIRCOSCRIZIONE MERIDIONALE. 

In realtà questo scenario potrebbe cambiare se venisse accolta la richiesta fatta pochi giorni fa dal Tribunale di Venezia alla Corte Costituzionale per l’eliminazione della soglia di sbarramentoproposta che ha già un precedente in Germania e che quindi ha buone possibilità di essere accolta dopo le elezioni. Per cui inutile dare ascolto alle solite cassandre in rete o sui giornalimai come questa volta il solo voto utile per il SUD è quello dato ad Antonio Ciano, cerchiamo di sostenere tutti la sua candidatura per non perdere un’occasione che potrebbe rivelarsi storica per il Sud.

D'obbligo il mio ringraziamento a tutte le Sezioni territoriali del Partito del Sud, al sud come al nord, per l'impegno assiduo e il sostegno ai nostri candidati, l'invito è a non fermarsi ma anzi, soprattutto in questi ultimi giorni, continuare incessantemente a proporre e sostenere il vero voto utile per il Sud, quello ai nostri candidati.

Se anche tu, come noi, senti scorrere nelle vene l’orgoglio per le comuni radici, se la passione meridionalista ti infiamma e ti porta a gettare il cuore oltre gli ostacoli che tentano di frenare il tuo impegno volto unicamente al riscatto della nostra terra, ti chiedo di sostenere i nostri candidati, di diffondere in rete la notizia del loro impegno, di contattare i tuoi amici e conoscenti presenti sui territori interessati al voto e di invitarli a votare per i candidati del Partito del Sud; candidati che anche questa volta, con enorme sacrificio personale e con coraggio, portano la fiaccola dell'ideale meridionalista al voto per dare una possibilità concreta ai nostri concittadini di non doversi rifugiare nella scelta di votare il “ meno peggio” o nel non voto, ma finalmente poter votare chi può rappresentare degnamente le comuni istanze per riprenderci, insieme, quella dignità che non abbiamo mai perso, ma che ci vorrebbero persino negare, e quei diritti che ci spettano e che pretendiamo !


Vota e fai votare per il Partito del Sud ed i suoi candidati! 

Natale Cuccurese 
Presidente Nazionale del Partito del Sud 

info@partitodelsud.eu 
http://partitodelsud.blogspot.it/ 

sabato 17 maggio 2014

Presentazione libro revisionista sul "risorgimento" a Roma oggi Sabato 17 maggio 2014, presente il Partito del Sud.



Sabato 17 maggio a Roma presentazione di un libro revisionista sul Risorgimento e per portare la voce del meridionalismo che parla di verità storica sulla malaunita' del 1861 ma vuole andare oltre la protesta e la lamentela, un meridionalismo progressista e lontano da nostalgia e folklore!

Report presentazione Venerdi 16 Maggio 2014 a Napoli candidati Ciano e Marinelli lista IDV Elezioni Europee




In una splendida sala nell'elegante contesto dell'Hotel Palazzo Alabardieri a Napoli, ieri Venerdì 16 Maggio 2014 s'è tenuta la presentazione alla città dei candidati ANTONIO CIANO (indipendente Partito del Sud) e VITA MARIA MARINELLI alle prossime Elezioni Europee Lista IDV (Italia dei Valori) nella Circoscrizione Meridionale.
Un folto uditorio attento e partecipate ha ascoltato il veemente ed accorato intervento di Antonio Ciano e quello più pacato ma estremamente chiaro e risoluto di Vita Maria Marinelli.
Hanno fatto da moderatori Andrea Balìa (Vice Presidente Nazionale del Partito del Sud) con i relatori e Michele Dell'Edera ( Responsabile Puglia del partito) con il pubblico.
Saluto del sen.re Aniello Di Nardo e dell'on.le Antonio Di Pietro (dell' Italia dei Valori), bloccati in provincia di Napoli da problemi di traffico.
Gradita presenza di Carmine Sgambati, Consigliere Comunale con Delega alla Polizia Municipale della Lista "Napoli è tua" di Luigi de Magistris al Comune di Napoli, che ha voluto portare il suo personale ed amichevole saluto.















venerdì 16 maggio 2014

NAPOLI, OGGI VENERDI' 16 MAGGIO: PRESENTAZIONE DEI CANDIDATI IDV ELEZIONI EUROPEE - CON ANTONIO CIANO, VITA MARIA MARINELLI E ANIELLO DI NARDO



COMUNICATO STAMPA

Venerdì 16 Maggio 2014 alle ore 17,00 c/o l’Hotel Palazzo Alabardieri in via Alabardieri a Napoli ci sarà la presentazione ufficiale alla città dei candidati ANTONIO CIANO (indipendente del Partito del Sud) e della candidata VITA MARIA MARINELLI nella Circoscrizione Meridionale lista IDV (Italia dei Valori) per le Elezioni Europee.

Interverranno, oltre ai candidati, il senatore ANIELLO DI NARDO Segretario Regionale Campania dell’Italia dei Valori e, anch’egli, candidato nella stessa lista e Circoscrizione, e, compatibilmente agli impegni, l’On.le ANTONIO DI PIETRO.


giovedì 15 maggio 2014

IDV e PdelSUD collaborano nel sostenere le tesi del SUD anche in Europa. Roma, intervista del 15 maggio 2014.




Fonte : Partito del Sud  Roma

L'articolo di Andrea Balìa di Maggio 2014 su Webnapoli24.com


Per il Sud?... o per il Suo?
Vanno bene gli ideali....però...

di  Andrea Balìa

Ecco Per il Sud?...o per il Suo…? Vanno bene gli ideali….però…
Tv, giornali, arte, libri, prodotti evocativi, poesie….e tutto quello che ne consegue : royalties, diritti d’immagine, percentuali, gettoni, ricarichi, diritti editoriali, ecc… tutta una serie di prodotti legati al Sud, alla sua storia, analisi, video, simbologia evocativa, disquisizioni, conferenze, interviste sui quali vanno bene gli ideali ma che producono anche e spesso un mercato che fa comodo alle finanze di chi naviga per questi mari.
 Intendiamoci il tutto è lecito e inevitabile, un po’ meno gradevole se altresì finisce per creare canali e/o clienti preferenziali del momento, o addirittura un’equidistanza per certi versi giusta ma ugualmente criticabile che porta a non premiare o prendere le distanze da nessuno o all’inverso – come si diceva sopra - privilegiare qualcuno.
 Il Sud ha bisogno di visibilità, che le sue ragioni siano ascoltate da tanti, da tutti, e quindi ben vengano voci che attraverso i mezzi mediatici più attuali o anche canonici le comunichino in modo vasto e diffuso. 
La medaglia riteniamo abbia due facce e se il racconto della verità storica, e anche dell’attualità, le giuste lamentazioni e recriminazioni ne coprono una, sarebbe certamente e inevitabilmente utile ricoprire e dar corpo anche all’altra faccia : quella della propositività, del fare che molti attori trascurano presi dall’altra o interpretano in modo sognante e fantasioso con soluzioni e proposte all’antitesi del pragmatismo e dell’attuabilità. 
Vanno bene gli ideali….ma un po’ meno per il Suo e un po’ più per il Sud assieme a una sana concretezza non guasterebbe!
 Ammesso lo si voglia…
Andrea Balìa


Fonte : webnapoli24.com